Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


AIDS e Vaccini: BLOCCATO vaccino ...altra truffa... e nuovi pericoli inventati = HFMD
 

BLOCCATO il Vaccino per l'Aids... - Quartiere generale della Merck, Readington, New Jersey

Il colosso dei farmaci Merck & Co. ha condotto una vasta sperimentazione, su migliaia di volontari di mezzo mondo, per provare un vaccino contro l'AIDS.
L'esperimento è stato bloccato dopo che si è capito che il vaccino è inefficace nel prevenire la malattia virale.
Anzi, si è appurato che tale vaccino accresce il rischio di contrarre l'infezione.
Per questa ragione, la Merck ha ora deciso di comunicarlo alle cavie umane (chi di loro ha ricevuto il presunto vaccino, e chi l'iniezione di innocuo placebo).
In tal modo, i primi saranno messi al corrente che per loro, la «cura» ha aumentato il rischio di  infettarsi con l'HIV.

Il test clinico era «a doppio cieco», né gli sperimentatori né i pazienti-cavia sapevano chi aveva ricevuto il farmaco e chi acqua fresca .
Una bella sorpresa per circa 60 mila persone abitanti in USA, Perù, Brasile, Repubblica Dominicana, Haiti, Giamaica, Australia e Sud Africa, e che hanno accettato di rendersi cavie, spesso, per disperato bisogno di denaro, e più spesso perché ignoranti e dunque del tutto all'oscuro dei rischi connessi alla sperimentazione.

La Merck invece si era resa conto del rischio, quando 19 delle "cavie" che avevano ricevuto almeno due dosi del vaccino s'erano ammalate di AIDS contro le 11 del "gruppo di controllo", che avevano ricevuto il placebo.
Già prima del resto la grande farmaceutica s'era accorta che il farmaco sperimentale era inefficace.
Non è la prima volta che belle sorprese vengono da questa multinazionale del Big Pharma.

Altro VACCINO SPERIMENTALE per lo HIV AUMENTA il RISCHIO di INFEZIONE - 18 Ott. 2013
Le prove ormai sono evidenti, stando a quanto scrive Nature: il vaccino sperimentale della Merck per l’HIV aumenta il rischio di infezione. Ad affermarlo sono i risultati presentati lo scorso 10 ottobre all’Aids Vaccine Conference 2013 tenutasi a Barcellona, in Spagna. Non è la prima segnalazione di problemi con il vaccino realizzato dalla Merck, l’azienda farmaceutica Americana.
Nel 2007 i ricercatori avevano cancellato in fretta e furia due trials clinici dopo che il vaccino si era mostrato inefficace.
Nel maggiore dei due studi, chiamato STEP, il vaccino pare anche avere aumentato il rischio di infezione soprattutto negli uomini.
L’altro studio, condotto in Sud Africa, è terminato dopo pochi mesi e agli 800 partecipanti è stato rivelato se erano tra coloro che avevano ricevuto il vaccine oppure il placebo.
Il team guidato da Glenda Gray aveva infatti riscontrato che 119 pazienti avevano contratto l’HIV.
In generale, coloro che avevano ricevuto il vaccino avevano maggiori probabilità di infettarsi rispetto a chi aveva assunto il placebo.
I due studi sono stati analizzati anche da un bio-statistico, Peter Gilbert, e anch’egli ha concluso che il vaccino aumentava il rischio di infezione, addirittura del 41%.
Ma c’è un altro tassello in questa storia.
Nell’aprile 2013 i National Institutes of Health americani hanno interrotto un terzo studio clinico su un differente vaccino; non sono state fatte ammissioni sulla pericolosità del vaccino ma i ricercatori hanno pianificato di seguire da vicino i partecipanti per almeno qualche anno. Ora sono iniziati studi clinici su un nuovo vaccino per l’HIV e la Grey ha affermato che si procederà con prudenza.
By Beatrice Salvemini - Tratto da: aamterranuova.it

Vaccino Hiv, bloccata la sperimentazione - Dic. 2009
Un paziente americano, arruolato nella sperimentazione sulla preparazione vaccinale, e' stato colpito da una mielite.
E' stata sospesa, in Francia, la sperimentazione di un vaccino preventivo contro l'Aids, avviata a settembre dall'Agenzia nazionale di ricerca sull'Aids
(Anrs - Dic. 2009). I test sono stati interrotti il 24 dicembre - ha precisato in un'intervista a Le Figaro il direttore dell'Anrs, Michel Kazatchkine - dopo che un paziente americano, arruolato in una sperimentazione sulla stessa preparazione vaccinale, e' stato colpito da una malattia neurologica.
Il paziente americano, di quarant'anni, e' stato ricoverato per una inspiegabile mielite, infiammazione del midollo spinale che provoca difficolta' motorie e, nei casi gravi, paralisi. ''La complicanza - spiega al quotidiano francese Chantal Belorgey, responsabile dei test clinici dell'Afssaps - e' stata osservata in una sperimentazione coordinata dagli Istituti nazionali della sanita' americani (Nih) e resta, per ora, senza una spiegazione. Anche se gli studiosi stanno ancora cercando una causa infettiva, frequentemente associata ai casi di mielite''.
Il test francese Vac 18 restera' bloccato in attesa di una riunione dell'Agenzia nazionale per la sicurezza dei prodotti sanitari (Afssps) che si terra' il 7 febbraio. L'Anrs, pero', sottolinea che per il reclutamento dei pazienti in Francia non sono seguiti gli stessi criteri utilizzati negli Stati Uniti, dove si sperimenta lo stesso prototipo di vaccino dal marzo scorso.


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Aids, negli Usa nuovo stop nella corsa al vaccino: potrebbe aumentare il rischio infezione - Luglio 2009
ROMA (19 luglio) - Nuova battuta d'arresto nella corsa mondiale al vaccino anti-Hiv. L'istituto statunitense per le allergie e le malattie infettive (Niaid) ha bloccato per motivi di sicurezza un piano nazionale che avrebbe dovuto cominciare a testare un nuovo preparato su 8.500 volontari. La sperimentazione sarebbe stata condotta da “Pave” (Partnership for Aids vaccine evaluation), un consorzio di agenzie governative statunitensi e organizzazioni finanziate con fondi pubblici che ha come obiettivo quello di mettere a punto un efficace vaccino contro il virus Hiv.
Lo stop allo studio imposto dal Niaid è dovuto a ragioni di sicurezza. Gli esperti, infatti, mettono in dubbio l'efficacia del vaccino, che potrebbe anche aumentare il rischio di infezione tra i volontari arruolati. Per questo sottolineano la necessità di controlli più approfonditi e di altre sperimentazioni, sia sugli animali che sugli uomini, prima di dare il consenso alla produzione su vasta scala del vaccino.

Il direttore del Niaid, Anthony Fauci, ha affermato che potrebbe essere presa in considerazione la possibilità di svolgere una sperimentazione più ristretta, con l'unico intento di scoprire se il vaccino “Pave” sia capace di ridurre la carica virale, cioè la quantità di virus Hiv presente nel sangue. Nonostante questo ennesimo insuccesso, che segue di pochi mesi l'interruzione della sperimentazione di un altro vaccino anti-Hiv prodotto dalla casa farmaceutica Merck (anch'esso per ragioni di sicurezza), la messa a punto di un preparato efficace non sembra essere un traguardo irraggiungibile, almeno per l'immunologo Fernando Aiuti.
L'esperto italiano, infatti, ritiene che i ricercatori debbano ora correggere il tiro cambiando l'approccio mantenuto nell'ultimo decennio. "Oggi non abbiamo metodi validi per valutare l'efficacia dei vaccini - spiega Aiuti - ne' modelli animali adeguati per eseguire i test. Inoltre finora abbiamo usato solo vaccini basati sulle proteine del virus. Dobbiamo andare oltre, battendo nuove strade, magari usando anche virus resi innocui ma vivi, capaci di replicarsi continuamente, per dare una immunità più prolungata".
La ricerca sul vaccino anti-Hiv comunque prosegue il suo cammino, anche nel nostro Paese. Pochi giorni fa, infatti, l'Istituto superiore di Sanita' ha dato il via libera alla seconda fase della sperimentazione del vaccino italiano terapeutico, messo a punto dalla sua ricercatrice Barbara Ensoli e prodotto presso l'Università di Urbino interamente con fondi pubblici. I test coinvolgeranno 128 pazienti sieropositivi di dieci centri italiani.
Parallelamente è prevista anche una serie di test in Sud Africa e Swaziland, per i quali si attende il via libera delle autorità regolatorie locali.
Tratto da: il messaggero.it

Gli sconvolgenti documenti ufficiali, alcuni dei quali totalmente inediti in Italia, che provano la truffa dell'Hiv-Aids.
Fatti a me ben noti, da giornalista investigativo e dati per scontati gia' nel 1983....
Frutto di 3 anni di ricerca intesa e ostacolata di un dottore italiano che, minacciato di morte, è emigrato all'estero. Facciamo girare e diffondiamo il più possibile per favore. Grazie a tutte/i.
http://www.scribd.com/doc/135713547/Hiv-La-Frode-Scientifica-Del-Secolo-documenti-Ufficiali

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Merck: il vaccino anti-HIV V520 ha aumentato la predisposizione all’infezione da virus HIV - 2007
Lo studio STEP, che stava valutando il vaccino anti-HIV di Merck & Co, potrebbe aver causato gravissimi danni ai volontari che hanno preso parte allo studio.
Merck ha interrotto lo studio clinico nel mese di settembre ed ai primi di novembre ha emesso un comunicato in cui si dichiara che i soggetti che hanno ricevuto il vaccino V520 presentano una maggiore probabilità di contrarre l’infezione da HIV.
Allo studio STEP hanno preso parte circa 3.000 individui sani ma ad alto rischio di infezione da virus HIV. Nel corso dello studio, 82 individui sono diventati sieropositivi: 49 riceventi il vaccino V520 e 33 il placebo. V520 è un vaccino basato sull’adenovirus..
Merck aveva ipotizzato che i geni del virus HIV, contenuti nel vaccino, fossero in grado di stimolare l’organismo generando risposte immunitarie HIV-specifiche attraverso le cellule T CD8.
Poiché il vaccino non contiene virus HIV vivo, ma solo 3 geni di HIV, i volontari vaccinati non avrebbero dovuto contrarre l’infezione da virus HIV con la vaccinazione.
E’ stato osservato che, 21 dei soggetti infettati con il virus HIV nel gruppo vaccino presentavano una preecedente alta immunità nei confronti dell’adenovirus, contro 9 nel gruppo placebo.
Non si conosce il motivo per il quale il gruppo vaccino presenti una più alta incidenza di infezione da HIV.
Tratto da: xagena.it  - 28.11.07
Fonte: Merck & Co, 2007 - Farmacovigilanza.net  - MedicinaNews.it  - XagenaFarmaci 2007

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il VACCINO per l'AIDS UCCIDE !
Gli scienziati del vaccino del Gene Therapy Institute (VGTI) e l' Oregon Nazionale Primate Research Center (ONPRC), insieme ad altri ricercatori, hanno pubblicato uno studio intitolato:  “Immune Clearance of Highly Pathogenic SIV Infection”, "Bonifica immunitaria del virus altamente patogeno infezione SIV" per quanto riguarda l'HIV e la versione scimmiesca chiamato SIV.
Riconoscendo che l'HIV e SIV sono "simili", i ricercatori dicono che questo nuovo vaccino che stanno mettendo a punto potrebbe essere una valida opzione per i pazienti affetti da HIV umani.
Louis Picker, professore presso l' VGTI ha detto : "E 'sempre difficile rivendicare una eradicazione - ci potrebbe sempre essere una cellula che non abbiamo fatto analizzare, che ha in essa il virus. Ma per la maggior parte, con criteri molto stringenti ... non c'era virus riscontrato nel corpo di queste scimmie ".
Concentrandosi su SIVmac239, una forma piu' “aggressiva " del virus nelle scimmie infette, ci aspettavamo che morissero entro 2 anni dall’infezione.
Utilizzando un vaccino basato sul Citomegalovirus (CMV), un membro della famiglia dell'herpes, i ricercatori hanno monitorato come CMV devasta il corpo delle scimmie .
CMV " è uno degli herpes virus. Questo gruppo di virus comprende i virus herpes simplex, virus della varicella- zoster (che provoca varicella e l’herpes zoster), ed il virus di Epstein - Barr (che causa mononucleosi infettiva , nota anche come mono)".
I Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) affermano che la CMV " è una infezione comune che di solito è innocua. Una volta che il CMV è nel corpo di una persona, vi rimane per tutta la vita. Tra ogni 100 adulti negli Stati Uniti, 50-80 sono infettati con CMV dal momento in cui sono all’eta’ di 40 anni".
Il vaccino è stato progettato per cercare di stimolare ed aiutare il sistema immunitario, a spazzare nel corpo, a "mantenere una forza armata che dovrebbe pattugliare tutti i tessuti del corpo tutto il tempo, per un tempo indeterminato"
Le scimmie le quali sono state vaccinate con il vaccino per la SIV, l'inoculazione si e’ diffuso attraverso il corpo abbastanza rapidamente, evidenziato dalla reazione nel corpo quando e’ stato monitorato.
Picker ha detto : "Potrebbe essere il fatto che SIV è così patogeno che questo è il meglio che si è mai riusciti ad ottenere. C'è una battaglia in corso  e la metà del tempo il vaccino vince e la metà delle volte non è così.
Un vaccino commerciabile potrebbe essere fatto per l'uomo sulla base della tecnica creata per curare la SIV, ma Picker ha spiegato: Al fine di rendere una versione umana, dobbiamo fare in modo che sia assolutamente sicuro. Ora abbiamo progettato un virus CMV, che genera la stessa risposta immunitaria, ma è stata " attenuata (modificato per perdere la sua virulenza) al punto in cui pensiamo che sia inequivocabilmente sicuro.
Così lo studio, secondo Picker, è la prova che "mentre non possono impedire l'infezione iniziale, potrebbe portare a successiva liquidazione, piuttosto che la creazione di infezione cronica".

Utilizzando CMV, la squadra di Picker ha messo in pericolo coloro che hanno un sistema immunitario indebolito (WIS).
Si tratterebbe di persone che verrebbero messe in pericolo dal ricevere questo vaccino, perché CMV causa la "malattia grave " in coloro che hanno WIS
.

Ciò include :
• I bambini e neonati
• doloro che hanno subito trapianti di organi e di midollo
• pazienti affetti da cancro
• I pazienti che ricevono farmaci immunosoppressori
• pazienti affetti da HIV

Il vaccino CMV - based di Picker, metterebbe in pericolo 1 su ogni 150 bambini nati con CMV congenito, se questo vaccino dovesse essere aggiunto al programma di vaccini somministrati ai neonati.
Questo si traduce in circa 30.000 bambini ogni anno che morirebbero da CMV causato dall’aver ricevuto questo vaccino.

By Susanne Posel - Tratto da: Occupy Corporatism

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il nuovo "Aids infantile" si chiama HFMD, malattia delle mani, dei piedi e della bocca
(NdR: HFMD e' l'acronimo per Hands Feet and Mouth Disease (Malattia di Mani, Piedi e Bocca). Nel Sud Est asiatico sta facendo numerose vittime tra i bambini (i più esposti alle malattie gastrointestinali).
I suoi sintomi interessano soprattutto le mani, i piedi e la bocca, anche scambiata per la stomatite vescicolare degli animali con il exanthem, è un disordine che interessa sia la pelle che la mucosa orale. La malattia interessa principalmente i bambini in quali sono i piu’ esposti alle malattie, cioe' alle intossicazioni ed infiammazioni gastrointestinali, le quali non riuscendo ad uscire dall'organismo, per mezzo dei normali organi emuntori, fuoriescono dalla pelle generando anche quel tipo di sintomo, per cui i virus NON centrano per nulla; affermare che le cause siano virali, significa incutere paura alla popolazione per  fornire, una volta preparato il terreno terroristico, i propri farmaci e/o vaccini....
Le lesioni orali possono richiedere la diagnosi differenziale da altri termini, quali il gingivostomatitis erpetico, la stomatite aftosa").

Ecco allora pronto servito il piatto forte dell'anno 2010, (NdR: visto che il terrorismo e la paura scatenata dai mass media per l'influenza suina e per il tumore al collo dell'utero...non hanno funzionato, la gente si e' accorta delle bugie raccontate per impaurire le popolazioni del mondo....)
Si chiama HFMD, e sta per Hand, foot and mouth disease, che tradotto significa Malattia delle mani, dei piedi e della bocca (chissà poi perché non di tutto il resto).
La malattia non è nuova e dunque non serve diventare matti a fare nuove invenzioni e a creare nuove pagliacciate-Nobel per qualche nuovo erede di Monagnier.
Trattasi di una patologia infantile conosciuta da tempo in Asia e non solo, e caratterizzata da intensa presenza di enterovirus, un genoma includente il poliovirus, il coxsackievirus e l’ehovirus.

Il virus esatto non viene mai identificato, ma solo ipotizzato
Il coxsackievirus A16 è stato considerato finora, sempre dalla medicina monatta, la più comune causa di HFMD.
Ma ora altri tipi di coxsackievirus vengono associati all’HFMD, e correlati con rare complicazioni neurologiche di tipo infettivo (la parola infettivo è immancabile ingrediente, ribadita ad ogni riga, perché altrimenti il gioco non vle la candela).

Altra perla dei monatti è un alone di mistero che deve circondare tutta la faccenda HFMD.
Infatti, l’esatto virus responsabile delle attuali epidemie di HMFD in Cina ed in Sud-Est Asiatico, non è stato ancora identificato, ma la presenza di casi di HMFD con sintomi neurologici, rilevati in Vietnam, suggeriscono che l’enterovirus 71 possa essre presente nel cocktail virale in questione.

Una classica patologia intestinale dei mesi estivi:
Nei climi temperati, inclusa l’Europa, si verificano pure dei casi simili, ma soltanto d’estate o ad inizio autunno.
I primi casi di questa nuova epidemia di HFMD, in Sud-Est asiatico, sono stati rilevati a Singapore, non a caso culla del monattismo internazionale e bastione asiatico dell’Aids.
Nei primi tre mesi dell’anno, sono stati diagnosticati 4269 casi, ovvero un 15% in più rispetto ai 3705 dello scorso anno.
I sintomi includono stati febbrili, ulcerette alla gola, eritemi sulle mani e sui piedi. Qualcosa da cui si guarisce al 100% con un digiuno purificante di 2 giorni, e 5 litri di acqua distillata, senza alcun farmaco e al costo totale di 2 dollari.

Le litanie funebri degli spaventapasseri
La trasmissione del virus avverrebbe da persona a persona, attraverso contatto diretto o contatto col muco, con la saliva, con le feci o coi fluidi.
Ormai si conoscono a memoria le litanie funebri degli spaventapasseri.
Ottima occasione per disinfettare furiosamente ogni angolo e ogni centimetro quadro di asili e di scuole, di servizi pubblici e di autobus, di metropolitane e di aeroporti, con i prodotti delle multinazionali...
Ottima occasione per rilanciare e rinnovare le antiche paure e gli antichi lazzaretti, per ripristinare e rinverdire l’Aids e il Papilloma e le varie aviarie e suine, per spaventare grandi e piccoli e far loro capire che il mondo è governato non dai presidenti e dai regnanti di mezza tacca, ma dagli imperatori del farmaco e del vaccino.

Nessun ministro della salute oserà opporsi alle direttive ed ai programmi di Big Pharma e dell'Unicef...
Anche la Cina è coinvolta, avendo registrato 1717 casi negli ultimi 3 mesi nella provincia di Henan, con la municipalità di Pingdingshan City che ha speso 439500 US$ per vaccini coi quali combattere questa nuova epidemia.

L’affare è ottimo. Basta ampliare il panico a dismisura - India e Cina sono due mercati enormi.

Nessun ministro della salute oserà opporsi al nostro devoto amore per i bambini, confabulano i mostri del vaccino.
Non
esiste nessuna epidemia e nessun contagio, ignoranza e corruzione a parte
In realtà le cose sono molto più banali - Non esiste nessuna epidemia e nessun contagio.
Già il fatto che rimangano colpiti solo i bambini sta a testimoniare che le leggi di Kock non vengono affatto rispettate.
I virus non hanno l’intelligenza operativa di capire se un soggetto ha 5 o 50 anni, se è maschio o femmina, se è un insegnante o un imbianchino. Le malattie non si classificano come fossero cani e gatti, insegnava la grande Florence Nightingale.

Non esistono al mondo malattie infettive, all’infuori della corruzione e dell’ignoranza più nera in materia virale.
Ecco dove sta la vera epidemia
Andiamo a vedere perché i ragazzi si ammalano a Singapore e dintorni.
Andiamo a vedere quante nuove succursali McDonald’s aprono i battenti ogni anno in quell’area.
Andiamo a vedere quanti gelati e quanti hamburger mangiano i ragazzini da mattina a sera, in quel clima torrido in cui la putrefazione intestinale domina e stradomina.
Andiamo a vedere quanti dolciumi assurdi e quante cocacola i ragazzi bevono, rifiutando il cocco, i manghi e le papaie dei tempi andati.
Dalla moria tossicologica Spagnola ai disturbi tossicologici di oggi.
Siccome si parla pure di poliovirus, sarà il caso di rileggere la mia tesina Il caso Sandlers e i conigli polio-resistenti, del 30 aprile 09, che fotografa l’esatta situazione dell’America anni Cinquanta, simile in tutto e per tutto alle esperienze che vivono oggi le metropoli asiatiche.
La sporcizia gastrointestinale dell’uomo ha raggiunto livelli inimmaginabili, scriveva profeticamente Arnold Ehret nel 1918, alla vigilia della moria tossicologica chiamata Epidemia Spagnola.
Non aveva la minima idea della sporcizia che hanno nel pancino i bambini asiatici (e non solo asiatici) dei tempi moderni.

Demenza, cinismo, arroganza e corruzione
La demenza della medicina occidentale detta ufficiale è davvero senza limiti. Al pari della sua arroganza e del suo cinismo. Al pari della corruzione e del suo enorme appetito di danaro fresco con cui rimpinguare le casse piangenti degli istituti sanitari, moltiplicatisi a dismisura in ogni città e in ogni angolo.

Tanti macelli, tanti drogati e tanti medici
I nuovi disoccupati sono tutti belli ed eleganti, col camice bianco immacolato e con strumenti costosi a disposizione. Il settore medico non conosce crisi.
Manca lavoro produttivo ? La gente abbandona le campagne e sceglie le metropoli ?
Terreno ideale per tre tipi di monocolture in forte espansione, che sono il mais transgenico, il caffè e l’oppio. Senza scordare una grande cascata di zucchero, di farmaci e di integratori.
Questo è il domani che viene prospettato dalla ganga internazionale che ha in mano le redini di questo mondo infame, ignorante e squinternato..
By Valdo Vaccaro (Igienista) – Direzione Tecnica AVA-Roma e ABIN-Bergamo - Tratto da: valdovaccaro.com
Continua in: Aids Bugie-2 + Aids Bugie 3 + Aids Bugie 4 + Aids Bugie 5

"Il paziente malato di Aids NON muore a causa del virus dell'HIV ma per alterazioni dell'assorbimento intestinale  e quindi per ipoalimentazione  (malNutrizione), dovuta a una grave micosi." (By Dott. Gerhard Orth, Leuthkirch)

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

AIDS dai VACCINI
L'ipotesi che l'insorgenza dell'infezione HIV nell'uomo sia stata in qualche  modo causata dalle prime sperimentazioni e somministrazioni di vaccini orali antipoliomielite (ipotesi OPV sull'origine dell'AIDS) attraverso il trasferimento scimmia - uomo di virus "antenati" dell'HIV, all'epoca non identificati ma presenti in quei tessuti di primati (solitamente rene della scimmia verde africana) usati per coltivare i vaccini-virus della polio, somministrati nei vaccini, é stata ormai dimostrata a più riprese anche da autorevoli scienziati italiani, vedi prof Procopio dell’Universita’ di Perugia.
Quello che e’ emerso dalla storia e’ che i produttori dei vaccini che sono stati utilizzati per le campagne OMS di vaccinazione nei paesi del terzo mondo, sapevano benissimo della contaminazione presente dei loro vaccini con vari virus patogeni, ma NON li hanno purificati, forse per spargere, ad insaputa dei governi locali e degli enti a “tutela della salute” , virus altamente pericolosi, che possono generare le piu’ svariate malattie, proprio per un genocidio programmato per la riduzione della popolazione mondiale…..per le conferme vedi: Influenza suina,: la Baxter immette sul mercato vaccini appositamente contaminati….

Sin qui la realtà storica.
Proprio u questi fatti, vuoi per semplice allarmismo ignoranza e sensazionalismo, vuoi per malafede per specifici interessi dei soliti soggetti controllati da Big Pharma ed accoliti (vedi: Illuminati) sempre pronti a raccontare le più immani idiozie in tema “informazione ufficiale” sulla salute e la malattia, nel tentativo di accalappiare le menti del popolo che ignora questi fatti a cui estorcere denaro in cambio delle loro truffaldine "cure ufficiali” che mantengono sempre malato il paziente, si sono accumulate, specialmente in diversi siti web da loro gestiti, innumerevoli dicerie, menzogne, falsificazioni e deformazioni, in contrapposizione alla "denuncia" della GRAVE pericolosità dei vaccini e dalla condanna" delle campagne internazionali di vaccinazioni per la polio in migliaia di siti web.

Prima di proseguire nella storia di questa ipotesi, ritengo quindi fondamentale dire:
- RICORDATE, QUANDO LEGGERETE quegli ARTICOLI, che SE NON SI TRATTA di FALSITA' VERE e PROPRIE, SI TRATTA di RAPPRESENTAZIONI DEFORMATE,  degli INCIDENTI e dei  PROBLEMI RISCONTRABILI nelle Campagne di  VACCINAZIONE, che hanno proprio  a CHE FARE anche con i “MODERNI” VACCINI e con le “MODERNE TECNICHE di SICUREZZA e CONTROLLO, QUALITA'” INESISTENTI fra i produttori dei vaccini !
- RICORDATE, QUANDO LEGGETE di GRAVI EFFETTI COLLATERALI o di INCIDENTI mortali, CHE QUESTI FATTI,  VANNO aggiunti all’ENORME MASSA di soggetti vaccinati immunodepressi e/o con mutazioni genetiche occulte, ma trasmissibili alla prole.
Es.
Da dopo la 2° guerra mondiale, i Vaccini sono stati propinati su MILIARDI di BAMBINI ed adulti, nei vari paesi INTERESSATI dalle CAMPAGNE OMS !

Detto questo, riprendo la storia sull'origine dell'AIDS dai vaccini, e rimando a quella formulata dalla dr.ssa Eva Snead negli anni '80.
La Snead partì dal fatto ben noto che i primi vaccini antipolio di Salk (iniettivo) e Sabin (orale),  facendo uso di virus coltivati su tessuti di rene  di Macacus Rhesus, specie in cui è endemico l'allora sconosciuto virus SV-40 (SV-40, cioè Simian Virus nr. 40, erano stati contaminati da esso).
Nel 1961 ci si accorse che l'SV-40 (innocuo nei macachi, ma pericoloso negli umani) poteva poteva indurre cancro nella pleura (mesotelioma).
Diverse centinaia di milioni di persone, di cui 400.000.000 in Europa, e cio’ fino al 1983, quando si iniziarono a prendere specifiche misure di sicurezza, sono state contaminate da questo virus, presente in quei vaccini.
L'idea della Snead era appunto che l'SV-40 fosse l'antenato dell'HIV umano e che la trasmigrazione del virus nell'uomo attraverso questa modalità fosse all'origine dell'AIDS. Tuttavia, questa idea era sbagliata: l'HIV non deriva dall'SV-40 – questo virus era solo un Contaminate dei vaccini, in quanto il virus HIV ha i suoi precursori negli STLV > SIV che mutarono in HIV.
Lo SV 40 generava negli umani oltre al mesotelioma, anche immunodepressione ! - i frammenti di sequenza del DNA del virus sono stati ritrovati in alcuni rari tipi di tumori, come il mesotelioma, queste le evidenze, in questo senso, oltre a quelle del prof. Procopio:
http://www.fda.gov/cber/minutes/sv40012797-1.htm
http://www3.interscience.wiley.com/cgi-bin/abstract/32816/ABSTRACT?CRETRY=1&SRETRY=0
http://www.pubmedcentral.nih.gov/articlerender.fcgi?artid=452549
http://cmr.asm.org/cgi/content/full/17/3/495

"Il paziente malato di Aids NON muore a causa del virus dell'HIV ma per alterazioni dell'assorbimento intestinale  e quindi per ipoalimentazione  (malNutrizione), dovuta a una grave micosi." (By Dott. Gerhard Orth, Leuthkirch)
vedi: Aids its the Bacteria stupid - PDF + Aids its really caused by a virus ?
+ L'altra storia dell'Aids + Hiv virus inventato

HOME

BACK