Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


ECHELON: nessuno sfugge al Grande Orecchio
Tratto da: Le Scienze e il loro insegnamento
 

ECHELON
Quando, nel 1948, George Orwell scrisse il suo romanzo "1984", il lavoro fu preso per un racconto di fantascienza. 
Lo stesso Orwell forse ignorava che proprio in quell'anno erano state poste le basi per un reale "grande fratello" che, guarda caso, sarebbe stato operativo proprio intorno al 1984.
La data di nascita di quel reale "grande fratello", che oggi è rappresentato dalla rete mondiale di spionaggio "Echelon" creata e gestita dalla National Security Agency degli Usa, risale infatti proprio al 1948 con l'accordo cosiddetto UKUSA (UK e USA) tra Gran Bretagna e Stati Uniti.

L'alleanza nacque dallo sforzo di cooperazione che era stato messo in atto per intercettare trasmissioni radio durante la seconda guerra mondiale, ed era inizialmente orientata contro l'URSS e i Paesi del Patto di Varsavia.
Il patto di collaborazione tra GB e USA nella raccolta di "signal intelligence" fu in seguito allargato fino a comprendere cinque nazioni (oltre al Regno Unito e agli USA, anche Canada, Australia e Nuova Zelanda), ma la sua stessa esistenza non è mai stata ufficialmente confermata dagli aderenti.

Dopo la fine della guerra fredda, il sistema è restato in funzione per esigenza di sicurezza, lotta contro la criminalità e il traffico di droga. Il sistema fu scoperto la prima volta alla fine degli anni '70 da un gruppo di ricercatori in Gran Bretagna. Un recente lavoro di Nicky Hager ("Secret Power", 1996) ha poi fornito i dettagli attualmente più esaustivi su Echelon.

Diversamente dalla maggior parte dei sistemi di spionaggio sviluppati durante la Guerra Fredda, Echelon è progettato per obiettivi non militari, ovvero per sorvegliare normali e-mail, fax, telex e telefonate che viaggiano nella rete di telecomunicazioni mondiale.

Come funziona Echelon
Il sistema è in grado di intercettare i colloqui e le trasmissioni che transitano attraverso satelliti, cavi e ponti radio in tutto il mondo. Echelon non è stato progettato per spiare il telefono o una particolare e-mail di un individuo o una utenza fax specifica. é stata organizzata una catena di strutture di intercettazione in tutto il pianeta per monitorare la rete di telecomunicazioni globale. Una decina di strutture basate a terra in tutto il mondo e fornite di enormi antenne paraboliche controllano i satelliti commerciali di comunicazione (come gli Intelsat), mentre altre apparecchiature (tra cui 120 satelliti in orbita che dispiegano antenne di 50 metri di diametro) intercettano le comunicazioni dei network a terra ed altre le comunicazioni radio.

I computer posti in ogni stazione del sistema Echelon cercano tra i milioni di messaggi intercettati quelli contenenti una serie di keywords, ("parole chiave"), precedentemente inserite. Le keywords includono tutti i nomi "sensibili" di località, persone, oggetti, etc. che potrebbero essere contenuti nei messaggi "interessanti". 
Ogni parola di ogni messaggio intercettato viene scansionata automaticamente sia che il telefono, la e-mail o il fax siano nella lista di quelli "da controllare", sia che provengano da un mittente non sottoposto a sorveglianza. 
Le telefonate in cui viene pronunciata una keyword vengono automaticamente estratte dalla massa delle altre e registrate digitalmente su nastri magnetici da sottoporre all'esame degli analisti nei quartier generali.

Tra le parole-chiave, che sono trapelate tra le strette maglie della sicurezza, vi sono termini come AK-47 (la sigla del fucile Kalashnikov), Stinger (missile antiaereo), TWA 800 (il codice del volo del Boeing esploso nel 1996 sull'Atlantico), terrorismo, bomba, ecc. Vengono poi inclusi numeri di telex e di fax, indirizzi di posta elettronica etc. di tutti i soggetti bersaglio di Echelon. In tal modo, gli USA intercettano le comunicazioni militari top-secret, ma sono stati accusati di ascoltare anche quelle degli alleati Nato, messaggi diplomatici, conversazioni commerciali confidenziali, e milioni di altre comunicazioni.

I computer delle stazioni disseminate per il mondo sono chiamati, all'interno del network, i "dizionari". 
Questi elaboratori contengono non solo le keywords immesse dalla propria agenzia, ma anche quelle immesse dalle altre quattro. Quando il "dizionario" identifica un messaggio contenente una delle keywords immesse dalle agenzie lo prende e lo spedisce automaticamente al quartier generale dell'agenzia competente. 
Ad esempio, nessuno in Nuova Zelanda conosce le informazioni raccolte dalle stazioni locali per le agenzie alleate. 
Per decine di anni prima dell'introduzione di Echelon, le agenzie dell'alleanza UKUSA lavoravano comunque l'una per l'altra, ma ognuna era solita intercettare ed analizzare i messaggi nelle proprie stazioni.

Dove si trovano le stazioni di intercettazione
La stazione britannica si trova in cima alle alte scogliere di Morwenstow in Cornovaglia. Le sue antenne paraboliche puntano i satelliti Intelsat sull'Atlantico, sull'Europa e anche sull'Oceano Indiano. Una stazione della NSA a Sugar Grove, nelle montagne della Virginia occidentale, intercetta le trasmissioni atlantiche degli Intelsat verso il Nord e il Sud America. Un'altra stazione all'interno della base militare Yakima Firing Center: le sue parabole sono puntate sugli Intelsat del Pacifico. Quello che non viene intercettato a Yakima può essere captato dalla stazione di Waihopai (Nuova Zelanda) o da quella di Geraldtown nell'Australia Occidentale (che punta sugli Intelsat dell'Oceano Pacifico e su quelli sull'Oceano Indiano).
La posizione di questi due Paesi nel Sud del Pacifico garantisce la copertura globale della rete.

Oltre alle cinque stazioni UKUSA che controllano i satelliti Intelsat ci sono almeno altre cinque stazioni che sorvegliano i satelliti per comunicazione russi e altri sistemi di comunicazione regionale.
Queste stazioni sono Menwith Hill (Nord dell'Inghilterra); Shoal Bay (Australia settentrionale, sorveglia i satelliti indonesiani); Leitrim (Ottawa, Canada: forse sorveglia i satelliti latinoamericani); Bad Aibling (Germania), Misawa (Nord del Giappone).

Echelon "sconfina" nelle intercettazioni commerciali ?
Le principali priorità del sistema continuano ad essere l'informazione militare e politica pertinente ai principali centri di interesse strategico dei partner del sistema. Tuttavia, parallelamente alla quantità di informazioni raccolte su eventuali attività terroristiche, esiste una gran parte di informazioni a carattere economico, in particolare una sorveglianza molto intensiva sulle attività dei Paesi che partecipano ai negoziati GATT.

In effetti, dopo un'indagine dell'Unione Europea, sembra confermato che Echelon è stato utilizzato per avvantaggiare società statunitensi implicate in trattative per forniture di armamenti e per rafforzare la posizione di Washington negli importanti negoziati con l'Europa sull'organizzazione del commercio mondiale nel 1995, all'epoca del disaccordo con il Giappone sull'esportazione di componenti per la costruzione di automobili.

Tuttavia, le conclusioni alle quali è giunta la commissione temporanea del Parlamento europeo istituita nel luglio 2001 per indagare sul sistema di spionaggio sono molto più "diplomatiche": il grande orecchio esiste, ma secondo l'Europa è un po' sordo.
La spiegazione sta nel modo in cui avviene la sorveglianza: Echelon si basa infatti sulle intercettazioni delle comunicazioni via satellite ma "solo una piccola parte delle comunicazioni fa uso di satelliti", si legge nella relazione. "Questo significa che la maggioranza delle comunicazioni non può essere intercettata" a meno di non mettere sotto controllo cavi e segnali radio. Ma gli Stati che fanno parte di Echelon "hanno accesso solo una proporzione molto limitata di cavi e comunicazioni radio".

La Commissione rileva che un sistema come Echelon può essere compatibile con la legislazione europea solo se fosse una struttura messa in atto per tutelare la sicurezza dei Paesi dell'Ue. Ma se viene usato per spionaggio industriale e altri obiettivi simili allora "il sistema viola" il dovere di lealtà degli Stati membri. "Se uno Stato membro partecipa a questo sistema viola le leggi europee".
Nel documento diffuso dalla UE vengono fornite anche alcune raccomandazioni. In modo particolare si mette l'accento sulla necessità di usare sistemi di comunicazioni criptate, l'invito è soprattutto perché l'Europa "sviluppi e realizzi una (propria) tecnologia per criptare i messaggi" in modo da proteggerne la sicurezza.
L'obiettivo è che la trasmissione di messaggi criptati diventi rapidamente la norma. 
Una raccomandazione che nasce dal fatto che Echelon di fatto ha capacità di controllare soprattutto gli scambi attraverso la posta elettronica. Questo genere di sorveglianza è in violazione della Convenzione europea per la tutela dei diritti umani.
http://www.lemonnier.it/Riviste/lescienze_scheda.php?id=19

vedi: Nuovo ordine mondiale + La bestia, 666 + Chips sotto pelle