Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 

 


MULTINAZIONALI utilizzano CORPO UMANO per il Trasferimento DATI
 

Microsoft canta il corpo elettrico

Il gigante del software ha brevettato una tecnologia che trasforma il corpo umano in un medium capace di trasportare dati e far comunicare fra loro una grande varietà di dispositivi

24/06/04 - News - Roma - Sfruttare la conducibilità elettrica del corpo umano per fare delle nostre membra un mezzo attraverso cui trasmettere dati. È questo il suggestivo concetto che sta alla base di un nuovo brevetto di Microsoft, concetto che potrebbe aprire la strada all'uso del corpo umano come alternativa a cavi e connessioni wireless nelle comunicazioni digitali a corto raggio.

Il brevetto, intitolato "Metodi ed apparati per trasmettere energia elettrica e dati utilizzando il corpo umano", descrive un sistema per connettere al corpo di una persona una sorgente elettrica che, se opportunamente modulata, può essere usata per codificare la trasmissione di dati. Lo scopo è quello di trasformare il corpo umano in una sorta di bus di comunicazione a cui collegare, attraverso degli elettrodi, uno o più dispositivi: questi possono eventualmente attingere ad un'unica fonte di alimentazione (una batteria).

Fra gli usi di tale tecnologia ipotizzati da Microsoft c'è la condivisione fra più dispositivi di periferiche come tastiera, display o speaker: ad esempio, telefono cellulare, PDA e orologio da polso potrebbero utilizzare uno stesso schermo LCD o uno stesso altoparlante. Eliminare la ridondanza di funzioni significherebbe anche semplificare i dispositivi elettronici di consumo e ridurne i costi, ma obbligherebbe gli utenti a utilizzarli solo quando li "indossano": questa tecnologia potrebbe infatti essere particolarmente interessante come evoluzione del concetto che sta dietro ai "wearable computer".

L'idea, che Microsoft ha sottoposto al vaglio dell'Ufficio Brevetti americano nell'aprile del 2000, è cullata anche da NTT DoCoMo: quasi due anni or sono il gigante giapponese descrisse una tecnologia che, sfruttando gli stessi principi alla base del brevetto di Microsoft, trasformava il corpo umano in un mezzo di comunicazione broadband capace di trasmettere, attraverso un contatto, informazioni ad alta velocità verso altri dispositivi o verso altre persone. DoCoMo descrisse uno scenario in cui le persone possono autenticarsi e accedere, ad esempio, all'area protetta di un edificio semplicemente toccando una speciale porta o pannello.

Per il momento non è dato sapere se Microsoft stia conducendo delle sperimentazioni né se la tecnologia descritta nel suo nuovo brevetto sia oggetto di sperimentazioni.
Tratto da: http://punto-informatico.it


Il CORPO GARANTISCE una BANDA di 48 KBPS
Wireless body, musica a fior di pelle: Sony brevetta un sistema per la trasmissione del segnale audio all'interno dell'organismo. Cuffie e portable player comunicano a 48 kbps.
Questione di pelle ed alla Salute chi ci pensa ??
URL:
http://punto-informatico.it/pi.asp?id=1790009


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
 

La scienziata statunitense Rosalie Bertell ha potuto stabilire che, con le scie chimiche, è diffuso, insieme con molti altri elementi, anche il litio.
Il litio è un metallo alcalino, bianco-argenteo, duttile e molle, elettropositivo che si comporta da energico riducente. È l'elemento solido più leggero a temperatura ordinaria. Reagisce con l'acqua, formando idrossido di litio (LiOH) ed idrogeno (H). Abbastanza diffuso in natura, ma sempre in piccole quantità, si trova spesso associato a sodio ed a potassio in molti fosfati, silicati e nelle ceneri di parecchie piante. Basse percentuali di litio migliorano le caratteristiche meccaniche di alcune leghe.

Il litio è considerato leggermente tossico; lo ione litio è coinvolto negli equilibri elettrochimici delle cellule del sistema nervoso e viene spesso prescritto come farmaco nelle terapie per il trattamento di sindromi maniaco-depressive. L'intossicazione da sali di litio, più grave e frequente nei pazienti con compromissione della funzione renale, si tratta efficacemente con infusione di NaCl, urea ed acetazolamide o, in alternativa, con l'emodialisi.


A causa del suo calore specifico (il più alto tra i solidi), il litio è usato in applicazioni per il trasferimento di calore. È inoltre un importante materiale anodico delle batterie, grazie al suo alto potenziale elettrochimico. Consideriamo alcuni usi dei composti di litio. Il cloruro di litio ed il bromuro di litio sono altamente igroscopici e frequentemente usati come essiccanti Il perossido di litio è impiegato per estrarre il biossido di carbonio dall'aria e rilasciare ossigeno nelle navicelle spaziali e nei sottomarini. L'idruro di litio può essere usato come accumulatore termico nelle batterie a fissione spontanea per applicazioni su cuore artificiale.

Nell'articolo "Che cosa sono veramente le scie chimiche", Carolin Williams Palit ricorda che "le nanomacchine del morbo di Morgellons ricevono onde radio, microonde ed E.L.F.[...] Queste nanomacchine prosperano in condizioni di pH molto alcalino ed usano l'energia bioelettrica dell'organismo ed altri elementi non identificati per l'alimentazione (le persone dovrebbero raggiungere più o meno un PH di 7,5). Esistono alcune evidenze che, al loro interno, contengono delle batterie.
Si ritiene che siano in grado di ricevere specifiche microonde EMF ed ELF. Le fibre che sono state analizzate, si assemblano da sole, si generano da sole e si muovono autonomamente. Operano come una rete e comunicano l'una con l'altra. Non è chiaro come il movimento sia collegato alle frequenze delle onde elettromagnetiche.

Molto importante, ai fini del nostro discorso, è il passaggio in cui la Williams Palit accenna alla corrente elettrica dell'organismo che alimenta le nanomacchine del Morgellons, - vedi Morgellons, parassita - assieme ad altri elementi: tra questi ultimi si potrebbe annoverare il litio, metallo idoneo, per le sue proprietà fisiche, al funzionamento di microbatterie.
Il tutto, come abbiamo già ipotizzato in altri studi, è volto a trasformare in modo graduale, ma irreversibile le persone in unità bioelettroniche in grado di captare e ricevere segnali.
È questa una fantasia ? Alla luce, degli ultimi sviluppi tecnologici, non crediamo proprio. A tale proposito, è eloquente un articolo di Paul Rubens, tratto dal quotidiano The Guardian, intitolato "Una nuova tecnologia usa il corpo umano come rete a banda larga" (aprile 2006).

Riferisce il giornalista: "Il tuo corpo potrebbe presto divenire il supporto sul quale collegare il proprio cellulare o il proprio lettore MP3 con un apparecchio senza fili, oppure la propria macchina fotografica digitale con un computer o la stampante e tutti gli altri accessori ad essi collegati."

Questi strumenti sono già in funzione grazie alle tecnologie radio (come Wi-Fi o Bluetooth o i vecchi sistemi che usano cavi di connessione). Ma la NTT, compagnia giapponese di telecomunicazioni, ha sviluppato una tecnologia chiamata RedTacton, la quale sarebbe in grado di inviare dati tramite la superficie della pelle alla velocità di 2Mbps, l'equivalente cioè di una veloce connessione a banda larga.

Con il RedTacton, la musica del tuo lettore MP3 passerebbe direttamente attraverso i vestiti per arrivare alle cuffiette. Invece di avere cavi per collegare la propria macchina fotografica digitale al computer si potrebbero trasferire le fotografie toccando semplicemente il computer, mentre l'apparecchio fotografico è appeso al collo. Visto che i dati si possono trasmettere da un corpo all'altro si potrebbe arrivare a scambiarsi carte da visita con una semplice stretta di mano o files musicali, danzando guancia a guancia o comunicarsi il proprio numero telefonico con un bacio.

La NTT non è la prima compagnia a concepire il corpo come mezzo di trasmissione di dati: l'IBM fu la prima in questo campo già nel 1996 con un sistema che permetteva di trasferire piccole quantità di dati ad una bassa velocità e la stessa Microsoft ha recentemente approvato un nuovo metodo per la trasmissione di dati usando il corpo umano.

La RedTacton non introduce corrente elettrica nell'organismo, ma si serve del campo elettrico che il corpo umano produce naturalmente. Un trasmettitore collegato ad un apparecchio (simile ad un lettore MP3) usa questo campo per inviare i dati attraverso la modulazione del campo, così come avviene con la modulazione delle onde radio.

Un'intrigante (sic) opzione è quella che la tecnologia possa venire impiegata per creare una specie di sistema nervoso secondario per collegare tra loro moltissimi minuscoli componenti impiantati sotto la pelle per creare nel nostro corpo un potente "computer di bordo".

Tutto lo scenario è inquietante e, in particolar modo, il progetto di trasformare l'organismo umano in un "computer di bordo". Forse questa trasformazione sarà propiziata con le nanostrutture sparse per mezzo delle scie chimiche, nanomacchine che non è necessario siano impiantate sotto la pelle, perché vengono inalate ed assorbite in seguito alle irrorazioni ?
Fonti:
Enciclopedia delle Scienze, Milano, 2000, s.v. litio La Terra come arma nel XXI secolo
R. S. Hawa, La Terra come arma nel XXI secolo , 2006
P. Rubens, Una nuova tecnologia usa il corpo umano come rete a banda larga, 2006
C. Williams Palit, Che cosa sono veramente le scie chimiche