Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


REINCARNAZIONE - 1

http://www.ilnavigatorecurioso.it/2015/06/03/lesperienza-di-premorte-di-un-neurochirurgo-sono-stato-in-paradiso/
 

REINCARNAZIONE  
 

Tutti gli avvenimenti della nostra vita hanno una loro motivazione, non sono affidati al caso, ma sono sempre legati alla nostra evoluzione spirituale; comprendere questa motivazione influisce sui nostri sentimenti, pensieri, azioni.

Tutto ha un significato che segue una ben precisa logica; non ci si può ribellare, è una Legge inesorabile della Manifestazione del creato; ciò significa che ogni nostra azione DEVE confrontarsi con questa inevitabile Legge.

NON serve quindi cercare di risolvere i problemi con l’odio e la violenza, ma solo con la riflessione, la dialettica e l’azione conseguente. Tutto ciò che ci accade e che riteniamo negativo/abbinato al dolore, serve ad istruire ed anche a “pagare” i nostri errori precedenti (o quelli dei nostri avi) rispetto alla perfetta Legge: “ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contrario, non nel medesimo istante”.

Quindi ciò che ci accade è strettamente legato ad ogni nostra precedente azione, di questa esistenza o di altre precedenti.

L'idea della rinascita/reincarnazione quindi induce a fortificare la volontà, perché ci si deve  sforzare a riparare gli errori ed evitare di commettere altri atti riprovevoli, allo scopo di costruirci un avvenire luminoso ed eterno, nell’In-Finità Infinita.

Ma una vita terrestre di pochi anni (max. 100 anni)  basta per realizzare il nostro piano di evoluzione spirituale che tende alla perfezione ……infinita…….???  E giocarci tutto in una vita soltanto ???

Se così fosse questa “divinità” sarebbe diabolica……perché come può fare, un nero che nasce in piena guerra civile affamato perché vi è carestia nel suo paese e muore a 30 anni di malattia, a poter evolvere sul piano spirituale verso la perfezione; oppure un bambino che nasce autistico (per gli errori dei suoi progenitori – vedi vaccinazioni, amalgami dentali ecc.) come può fare per evolvere verso la perfezione….. e gli esempi potrebbero continuare all’infinito….
Assolutamente NO !!! 
La logica del VERO ci impone questa risposta: una sola vita NON BASTA !!!

L'esperienza diretta, la deduzione, la logica, la fede religiosa e l'osservazione empirica e scientifica, tutte concorrono ad indicare che esiste una forma di “energia cosciente/informata” (CEI) all'interno del corpo e che si identifica con l’IO dell’essere stesso. Il corpo fisico è il mezzo, l'energia cosciente (l’IO) è il guidatore della macchina psico/temporale identificabile nel corpo fisico.

Cari religiosi “cristiani”: Può un “dio” detto “misericordioso” dare ai suoi figli un'unica possibilità (una sola vita) di raggiungere il suo regno …..Infinito con i suoi In-Finiti tempi, luoghi e varianti di esperienza di vita ? Come conciliare la sua “infinita misericordia” con l'inferno eterno, che sarebbe raggiunto da certi individui, dopo solo una vita, magari nati in famiglie senza morale e quindi senza educazione al bene ?
persino i tribunali umani sono più misericordiosi di quel “dio” fasullo “ dei cristiani !

Davvero quel dio ci costringerebbe a giocarci tutto in una sola vita  terrestre ? Un VERO padre affettuoso non lo farebbe assolutamente. Perché dovrebbe farlo il “dio” che ci indicano i “cristiani” ?

Le uniche risposte sono: o quel “dio” è fasullo, oppure i cristiani che la pensano in quel modo, sono eretici………..rispetto alle credenze dei primi giudeo-cristiani !

L'essere individualizzato (l’IO SONO / Ego) viene sulla Terra per la prima volta in uno stadio primitivo, involuto,è ignorante (ignora), non conosce e deve quindi imparare OGNI cosa; vivere gli serve proprio per imparare, per maturare, crescere, evolversi verso la perfezione, per cui deve passare da un periodo di azioni dette malvagie….verso un altro sempre meno malvagio….fino a raggiungere la conoscenza necessaria per ottenere la consapevolezza, la giustizia e la libertà di scelta…..in ogni situazione ed infinite per capire chi e' da dove viene e dove va' e sopratutto deve avere consapevolezza sull'INFINITA'  !

Come è possibile che questo avvenga in una sola vita, data l’enorme complessità ed infinità di variabili della vita stessa, nell’infinità del tempo e dello spazio ???

Se ci guardiamo intorno, vi sono molte persone prive di cultura, povere anche dal punto di vista umano, spirituale, culturale: se è vero che il “dio” dei cristiani ama ognuno di noi nello stesso modo, come è possibile che non dia a tutti le stesse possibilità ?

Se accettiamo la credenza nella reincarnazione, è molto più facile spiegare “destini” diversi, perché vi è chi nasce ricco e chi povero, chi sano e chi malato, perché a qualcuno è data la possibilità di studiare, di vivere in una famiglia affettiva, in un ambiente sano, e altri vivono invece nella completa ignoranza culturale, nella disperazione, nella violenza e nella miseria morale e gli esempi potrebbero essere infiniti !

Noi NON siamo il nostro cervello od il sistema nervoso più di quanto uno scrittore  sia la penna o la carta sulla quale scrive. Come uno scrittore produce scritti con una penna + carta, così Noi, i pensatori/scrittori, produciamo pensieri con l’unico strumento per pensare: il cervello; e se il mezzo/strumento va distrutto con il trapasso/morte, non necessariamente dobbiamo finire anche Noi, perché l’inFormAzione non può essere distrutta essendo “fatta di energia informata”.

Definizione della parola REINCARNAZIONE:
La reincarnazione è la legge della rinascita, il percorso che ogni “ani+ma” (in realta' Spirito /Energia) compie re-incarnandosi più volte sulla Terra od in qualsiasi altro luogo dell’UniVerso, in una serie di esistenze che gli permettono di evolversi fino a raggiungere la conoscenza e quindi l'illuminazione, la consapevolezza per poter partecipare e collaborare all’In-Finito alla e nella  manifestazione della creazione nell’infinità del tempo e dello spazio.
La credenza nella reincarnazione appartiene sopra tutto alle religioni orientali, induismo e buddismo. Tuttavia ha fatto anche parte del credo delle grandi religioni medio orientali ed occidentali.
Gli ebrei, ai tempi di Gesù, aspettavano il ritorno dei profeti e accettavano la possibilità della reincarnazione, anche se per loro non è un dogma di fede.
La reincarnazione faceva parte dei dogmi giudaici col termine di resurrezione: i Sadducei (setta ebraica che si formò intorno all’anno 248 avanti era volgare), che pensavano che tutto finisse con la morte, erano i soli a non credervi.
Le idee dei Giudei su tale punto, come su molti altri, non erano chiaramente precisate né allora né oggi, ma sopra tutto allora, poiché essi non avevano che vaghe e incomplete nozioni circa l’anima e i suoi legami col corpo. Credevano che un uomo che avesse vissuto potesse rivivere, ma non si rendevano conto chiaramente del modo come ciò poteva avvenire: indicavano con la parola resurrezione ciò che oggi si chiama più giustamente con la parola reincarnazione.

Infatti la resurrezione suppone il ritorno alla vita di un corpo che è morto, cosa che anche la scienza ha dimostrato essere materialmente impossibile, soprattutto quando gli elementi di questo corpo sono da molto tempo dispersi o riciclati dalla terra stessa.

La reincarnazione è il ritorno dell’anima o Spirito/mente/energia, alla vita corporale, ma in un altro corpo formato espressamente per esso, e che non ha nulla o poco in comune con quello della vita precedente.

La parola resurrezione avrebbe potuto così essere usata per Lazzaro, ma non per Elia né per gli altri profeti.
Se, dunque, secondo la loro credenza, Giovanni Battista era Elia, il corpo di Giovanni non poteva essere quello di Elia, poiché Giovanni era stato veduto da bambino e si conoscevano suo padre e sua madre. Giovanni poteva, dunque, essere Elia reincarnato, ma non
resuscitato...

L’opinione che Giovanni Battista era Elia, e che i profeti potevano tornare a vivere sulla terra, si ritrova in parecchi passaggi dei Vangeli. Se questa credenza fosse stata un errore, Gesù non avrebbe mancato di combatterla, parlandone, come ne ha combattuto tante altre; invece, al contrario, egli la riafferma con il peso della sua autorità, e la pone come una condizione di principio necessaria, dicendo: "Uno, se non nascerà di nuovo, non può vedere il regno di Dio": e insiste, aggiungendo: "Non ti meravigliare se ti ho detto: BISOGNA che voi siate generati di nuovo"...

Tale interpretazione è giustificata, d’altronde, da queste altre parole: Ciò che è generato dalla carne è carne e quel che nasce dallo Spirito è Spirito.
Gesù pone così una netta distinzione fra Spirito e corpo. Ciò che è generato dalla carne, indica chiaramente che solo il corpo deriva dal corpo, e che lo Spirito è indipendente dal corpo...

"….Dai giorni di Giovanni Battista fino ad ora, il regno dei cieli si acquista con la forza e sono i violenti che se ne impadroniscono; perché tutti i profeti e la legge hanno profetizzato fino a Giovanni. E se lo volete accettare, è lui quell’Elia che deve venire. Chi ha orecchi da intendere, intenda". (Matteo, Cap. 11, versi da 12 a 15).

Se il principio della reincarnazione espresso nella persona di San Giovanni, poteva, a rigore, essere interpretato in senso puramente mistico, non è possibile fare altrettanto con questo passaggio di San Matteo che non si presta a nessun possibile equivoco: è LUI, quell’Elia che deve venire. 
Non vi sono ne figure retoriche né allegorie: si tratta di un’affermazione positiva. 
"Dai giorni di Giovanni Battista fino ad ora, il regno dei cieli si acquista con la forza".

Che cosa significano queste parole, poiché Giovanni Batista era ancora vivo in quel momento ? 
Gesù le spiega dicendo: "Se volete capire quello che dico, è proprio lui quell’Elia, Gesù alludeva ai tempi in cui Giovanni viveva sotto il nome di Elia. "Fino ad ora, il regno dei cieli si acquista con la forza" è un’altra allusione alla violenza della legge mosaica che ordinava lo sterminio degli infedeli per ottenere la Terra Promessa, Paradiso degli Ebrei, mentre secondo la legge nuova il cielo si ottiene mediante la carità e la dolcezza. Ecco perché Gesù ha terminato dicendo…..”chi ha orecchio per intendere, intenda…”, anche perché i sadducei, (una setta del giudaismo)  acerrimi nemici di Gesù, non insegnavano la reincarnazione ! mentre i farisei sì ! Queste parole, così spesso ripetute da Gesù, avvertono chiaramente che non tutti erano in grado di capire certe verità…..la reincarnazione !

Ma a questa autorità, valida solo dal punto di vista religioso, si aggiunge, dal punto di vista filosofico, quella delle prove che risultano dall’osservazione dei fatti.

Quando dagli effetti si vuol risalire alle cause, la reincarnazione appare come una necessità assoluta, come una condizione inerente all’umanità, in una sola parola come una Legge della Natura. Si dimostra dai suoi risultati in modo, per così dire, materiale, come il motore nascosto si rivela nel movimento: solo la reincarnazione può dire all’uomo da dove viene, dove va, perché è sulla terra, e giustificare tutte le anomalie e tutte le apparenti ingiustizie che offre la vita.
Senza il principio della preesistenza dell’anima e della pluralità delle esistenze, la maggior parte delle massime del Vangelo diventa inintelligibile, ed è questa la ragione per cui esse hanno fatto sorgere interpretazioni tanto contraddittorie: questo principio è la chiave che deve rendere il vero loro senso..."

Vite precedenti - Reincarnazioni ? + Bambini che ricordano le loro vite passate

La PROVA della Reincarnazione - video importante !

Continua in:  Reincarnazione 2  +  Cervello, Mente Coscienza 2  Yin e Yang + Morte cosa sei ? + Sintesi + Conclusione + Volete vivere per sempre ? + Definizione della parola Eutanasia + Consenso Informato  + Dissenso informato + Riforma sanitaria


Video che illustra come si e' gia' fotografato il campo energetico emanato dall'Uomo, animale, vegetali
ecc.
 

Per i particolari della parola stessa vedi su: ANI + MA  (Definizione) + Anima 2 + Anima 3 + Anima 4

Pag. 2
 

HOME

BACK